Proposta di legge su BLS

blsIn questo giorni tramite la piattaforma Rousseau ho inviato una proposta di legge ai parlamentari del Movimento5Stelle, la proposta è questa: inserire in tutto il percorso scolastico di ogni ragazzo alcune ore obbligatorie di Basic Life Support, l’obbiettivo è di avere sul territorio molte persone preparate a gestire al meglio le emergenze e permettere così di salvare vite umane non sprecando secondi preziosi.

Che cos’è il B.L.S. Il B.L.S. (Basic Life Support) è una sequenza di manovre ratificate a livello mondiale con l’obbiettivo di prevenire danni anossici (mancanza di ossigeno) al cervello che si effettua prima con precise valutazioni , poi con manovre ad esse conseguenti in un soggetto che presenti i seguenti sintomi/segni:

Non è cosciente

Non respira

Non ha attività cardio-circolatoria Le finalità sono quindi:

prevenire l’evolversi dello stato del soggetto verso l’arresto respiratorio, e/o verso l’arresto cardio-circolatorio.

Provvedere alla rianimazione del soggetto in caso di arresto respiratorio (A.R.) o in caso di arresto cardio-respiratorio (A.C.R.).

Il B.L.S. è un «ponte» che permette al paziente di “sopravvivere”, nell’attesa del Soccorso Avanzato (A.L.S.), con sequenze ben codificate e che riguardano valutazioni rigide e manovre standardizzate. Per danno anossico cerebrale si intende la riduzione di apporto di ossigeno al tessuto cerebrale. La durata del periodo anossico è indice di prognosi. Il danno inizia dopo pochi secondi dall’assenza di circolo e diventa irreversibile dopo otto/dieci minuti. Le manovre di B.L.S. permettono di mantenere una sufficiente perfusione del tessuto cerebrale interrompendo la progressione verso un danno irreversibile del cervello.

Alan Vassalli

Portavoce Consigliere Comunale

Posted in ELEZIONI 2014 | Leave a comment

#5giornia5stelle 82° puntata, 24 giugno 2016

5giornia5stelle di questa settimana non poteva che iniziare con la notizia della Brexit e delle dimissioni del premier inglese David Cameron. A Marco Zanni il compito di spiegarci quali ripercussioni porterà questa decisione storica presa dal popolo britannico.

Reddito di cittadinanza, abolizione di equitalia, dimezzamento degli stipendi dei parlamentari, Daspo per imprese e politici corrotti e abolizione dell’Irap per le microimprese. E’ questo il pacchetto di leggi che il M5S sfida il PD ad approvare nella settimana che segue le elezioni. A presentarle nel corso di una conferenza stampa sono stati Carlo Sibilia, Alessandro Di Battista, Roberto Fico, Giulia Grillo e Stefano Lucidi.

Una settimana, questa, che ha visto la proclamazione di ben 23 nuovi sindaci del moVimento. I primi cittadini sono stati accolti da Luigi Di Maio per una riunione conoscitiva, dove hanno potuto – come ci spiega la capogruppo M5S alla Camera, Laura Castelli – confrontarsi con colleghi eletti negli anni passati per conoscersi e scambiarsi impressioni ed idee. Primi passi verso un’Italia sempre più a 5 stelle.

Il nostro notiziario settimanale prosegue con l’intervento alla Camera dei Deputati di Francesco Cariello che spiega il NO del M5S alla riforma della contabilità che continua nel solco dell’Austerity e non in quello del benessere dei cittadini.

“Si alle gare, no alle concentrazioni di potere”. Questo in sintesi il concetto espresso a Palazzo Madama da Andrea Cioffi circa le concessioni per gli stabilimenti balneari.

Dario Tamburrano a Bruxelles esprime l’ottimismo per una rivoluzione politica, quella insita nel Movimento 5 Stelle, che si sta compiendo più veloce di ogni lecita aspettativa e che produrrà necessariamente, secondo il portavoce cinquestelle in Europa, la transizione verso un nuovo modo di produrre energia. Pulita e rinnovabile.

Ci occupiamo poi di una vittoria politica, piccola ma significativa, nella tutela ed il rispetto degli animali. Si parla di fondi europei sfruttati per allevare tori per corride. Fondi che sono stati bloccati grazie al lavoro dei portavoce cinquestelle a Bruxelles come ci spiegano Marco Zanni ed Eleonora Evi.

Il nostro notiziario settimanale si conclude con le parole di Sergio Puglia che a Palazzo Madama rivendica l’importanza di una battaglia di giustizia, quella per la RCAuto equa, che non può più aspettare.

Posted in ELEZIONI 2014 | Leave a comment

Chi ha vinto e chi ha perso #OraToccaANoi

sindaci5

di MoVimento 5 Stelle

Le elezioni di ieri segnano una svolta epocale. E’ il cambio di passo del MoVimento 5 Stelle, riconosciuto dai cittadini come una forza di governo affidabile e capace di esprimere candidati validi e competenti. Ci sono vincitori e vinti. Persone, idee e valori che hanno vinto e che hanno perso. Una cosa su tutte emerge dai dati: l’unica alternativa valida di governo, capace di vincere in maniera netta con un’unica voce e senza imbarcare la qualunque è il MoVimento 5 Stelle.

Chi ha vinto

Hanno vinto i cittadini che vogliono cambiare questo Paese a partire dalla priorità assoluta: un Reddito di Cittadinanza che restituisca dignità a 10 milioni di italiani.

Ha vinto il MoVimento 5 Stelle perchè si è presentato dappertutto come un’unica forza solida, compatta e coerente e nonostante una campagna denigratoria orchestrata dal Pd ed eseguita dai media.

Ha vinto chi è sempre stato coerente, si è tagliato lo stipendio e non ha abbandonato la carica per cui è stato eletto. Hanno vinto candidati incensurati, competenti e non compromessi con il Sistema.

Ha vinto l’acqua pubblica e rifiuti zero.

Ha vinto la Rete che si è mobilitata per sostenere i candidati 5 Stelle, rilanciarne le proposte e disinnescare le balle di regime.

Hanno vinto le persone scese in piazza.

Hanno vinto gli attivisti 5 Stelle che hanno offerto il loro tempo e il loro lavoro. Ha vinto chi si sostiene con piccole donazioni volontarie e rifiuta i finanziamenti pubblici.

Ha vinto un metodo che è quello di presentare le persone che crescono nel M5S e che possono vincere per le proposte che fanno, non per la loro popolarità pregressa.

Ha vinto una comunità che cresce ogni giorno di più e che ha un cuore pulsante che batte sempre più forte: Rousseau. Hanno vinto le proposte concrete.

Chi ha perso

Hanno perso i partiti, le alleanze e le accozzaglie di liste civiche.

Ha perso chi si nasconde dietro l’etichetta “destra” o “sinistra” solo per mascherare il vuoto di valori, di idee e di proposte.

Hanno perso i media tradizionali di regime: le tv e i giornali. La macchina di propaganda piddina si è inceppata. Ormai avete perso qualsiasi credibilità, fatevene una ragione.

Hanno perso le privatizzazioni a tutti i costi. Ha perso un Sistema morente che ormai mostra tutta la sua vulnerabilità. Hanno perso le Grandi opere.

Hanno perso le lobby. Hanno perso i bonus e la narrazione di una realtà che non esiste. Ha perso chi diffama e chi denigra.

Ha perso chi usa milioni di euro di soldi pubblici per fare propaganda spicciola. Ha perso chi non conosce il Paese e vive solo nel palazzo.

Posted in ELEZIONI 2014 | Leave a comment

#OraToccaANoi: Roma e Torino a 5 Stelle

oratoccanoi

di MoVimento 5 Stelle

Il MoVimento 5 Stelle ha vinto a Roma e Torino e, stando ai risultati attuali, in quasi tutti e venti i comuni dove è andato al ballottaggio. E’ un giorno storico, da oggi cambia tutto. Virginia Raggi è la nuova sindaco di Roma, la prima donna nella storia a ricoprire questa carica, e Chiara Appendino è la nuova sindaco di Torino.

I cittadini riconoscono al MoVimento 5 Stelle la capacità di governare e hanno scelto l’unica forza politica che ha fatto proposte concrete per i dieci milioni di poveri italiani e per le PMI che non ce la fanno più. Chi parla di referendum, di Olimpiadi, di 80 euro e di legge elettorale è completamente scollato dalla realtà del Paese.

Grazie a tutti i candidati, grazie a tutti gli attivisti che hanno reso possibile queste campagne elettorali realizzate con piccole donazioni volontarie, grazie a tutti i cittadini che hanno deciso di darci fiducia. E grazie a Gianroberto che insieme a Beppe ha dato vita a tutto questo.

Ora tocca a noi. Ed è solo l’inizio.

#OraToccaANoi: Roma e Torino a 5 Stelle

Posted in ELEZIONI 2014 | Leave a comment